cerealeLa dieta n.7 del dott. George Ohsawa, giapponese e fondatore della cucina Macrobiotica, è una dieta rigida ma allo stesso tempo molto efficiente nell’eliminare quasi tutte le malattie prodotte da un eccesso di energia YIN, INCLUSO IL CANCRO, e permette allo stesso tempo di equilibrare in modo graduale l’essere umano dal punto di vista energetico (YIN-YANG).

La dieta prevede che, per la durata di 10 giorni, si consumino esclusivamente cereali YANG: grano, riso, grano saraceno e miglio, in qualsiasi combinazione o proporzione desideriamo, saltati in pentola o bolliti; il solo ingrediente ammesso è il sale, senza altri condimenti quali olio, spezie, brodi, ecc. Questa dieta può essere ripetuta varie volte (in gruppi di 10 giorni) con pause da tre fino a cinque giorni fra ogni gruppo, periodo durante il quale si possono consumare anche altri alimenti, preferibilmente YANG, finché si raggiunge l’effetto desiderato, ovvero l’eliminazione definitiva delle malattie o dei disequilibri con i quali ci confrontiamo.

meiAl di là del fatto che allontana quasi tutte le malattie, l’azione di questa dieta è estremamente purificante: i canali sottili energetici del corpo umano (i NADI) sono ripuliti da molte impurità che appesantiscono la circolazione delle energie sottili attraverso il corpo. Questa purificazione generale ha come effetto immediato una notevole pulizia e chiarezza  mentale; la digestione diventa migliore, le secrezioni ormonali sono regolate. Gli occhi iventano brillanti, la pelle diventa pulita e luminosa, la persona sente un’inspiegabile forza e voglia di vita fino ad allora estranee.

É possibile che all’inizio della realizzazione di questa dieta possano apparire, in alcune persone, reazioni fisiologiche non piacevoli, alle volte addirittura violente, specialmente a causa di purificazioni intense e per la disintossicazione massiccia del corpo. Proseguendo però la dieta con tenacia, gli aspetti meno piacevoli scompariranno abbastanza rapidamente, lasciando il posto a ben altre condizioni fisiche, psichiche, mentali e addirittura ad un metabolismo diverso, molto più arricchito. 

Dopo qualche giorno dall’inizio della dieta, noteremo maggior vitalità ed energizzazione generale, l’eliminazione della stanchezza e uno stato di lucidità, sia mentale che psichica, accompagnata da un distacco che ci permetterà di affrontare la giornata con maggior efficienza e armonia.

Anche alle persone sane si consiglia di ricorrere ad almeno due diete Ohsawa (di 10 giorni) all’anno, per una ricostituzione e purificazione generale dell’organismo.

Sottolineiamo, ancora una volta, il fatto che in questa dieta dobbiamo consumare solo: grano, riso, grano saraceno e miglio, tutti integrali (non lavorati) e assolutamente nient’altro! Come liquidi, si deve consumare solo acqua, preferibilmente quanto più pura. 

Come riso, si può utilizzare, oltre al riso integrale, quello basmati, il riso selvatico, il riso rosso e il riso nero (Venere).

Qualche ricetta

Al di fuori delle ricette conosciute con il grano, il riso, il grano saraceno e il miglio cotti in acqua con il sale, vi presentiamo di seguito una serie di ricette più elaborate che vi renderanno più semplice l’approccio a questa dieta.

hriscaGrano, grano saraceno o miglio tostati – Per tostare uno di questi cereali si mettono in una padella antiaderente, in uno strato sottile; si ricopre con un dito d’acqua e si tiene il fuoco alto, lasciando che l’acqua venga completamente assorbita e, senza mescolare, si lascia ancora sul fuoco per qualche minuto. Quando sentirete il rumore del crepitio potete verificare con un mestolo se i chicchi si stanno attaccando o meno alla padella e mescolate per non farli attaccare. Si continua ancora per qualche minuto, fino a quando i chicchi cominciano ad essere abbrustoliti; si noterà che anche il profumo cambia. Quando i chicchi diventano croccanti al punto desiderato spegniamo il fuoco e aggiungiamo sale a volontà. Attenzione a toglierli dal fuoco prima che si brucino, poiché iniziano molto rapidamente a cambiare colore.

I cereali tostati possono anche essere poi macinati, per farne un condimento da cospargere sulle pietanze. Per tostare il grano occorre che prima venga lasciato in ammollo per circa 24 ore.

Tortine di grano – Si macina finemente il grano (con l’aiuto di un macina caffé meccanico o elettrico), finché diventa farina. Si forma un impasto con l’acqua, sale e farina di grano intero, che deve essere elastico, né troppo molle né troppo duro. Si lascia circa 2 ore a riposare, finché il glutammato della farina fa presa, dopodichè si formano le torte da cuocere sia in pentola, senza olio, a fuoco lento, sia nel forno (che é stato riscaldato precedentemente) con la pentola già calda.

Se si cuociono in pentola, si raccomanda di preparare delle torte molto sottili. Al forno si possono fare dei panetti dalla forma un po’ più grande dei grissini, posti sempre in pentola già calda. Si procede allo stesso modo con la farina di grano saraceno. Si raccomanda di fare torte di farina di grano mischiata con farina di grano saraceno o/e farina di miglio, lasciando la farina di grano in proporzione più abbondante.

Zuppa di riso con gnocchi di grano – Con una piccola quantità di farina di grano integrale, acqua e sale si prepara un impasto molle (più molle di quello per le tortine) e si lascia riposare per 15-25 minuti.

Da quest’impasto si preparano gli gnocchi, grandi come una noce, e si mettono nell’acqua bollente e salata. Si cuociono per circa 10 minuti, dopodichè, si aggiunge riso o farina di riso. Si cuoce ancora per 10-15 minuti, mescolando spesso se abbiamo aggiunto farina di riso affinché non si raggrumi. Al posto del riso si può utilizzare il grano saraceno.

Zuppa di tagliolini di grano saraceno – Si prepara con la farina di grano saraceno macinata fine, sale e acqua formando un impasto compatto che si stende con il mattarello sulla tavola spolverata di farina. Si arrotola di seguito il foglio ottenuto e si taglia in fette sottili. Le listine cosi ottenute formano i tagliolini che vanno scossi dalla farina in eccesso. Si mantengono per un quarto d’ora ad asciugare, poi si cuociono in acqua bollente salata per 10-15 minuti. In modo opzionale si può aggiungere anche un po’ di riso per “arricchire” la zuppa.

orezPolentine di grano e riso – Si mette acqua e sale a bollire. Quando bolle si aggiunge, a  pioggia, la farina di grano integrale e/o la farina di riso fino ad ottenere un impasto dalla consistenza di una polenta molle. Attenzione! Sia il grano che il riso, si gonfiano durante la cottura, cosi che dovete lasciare l’impasto più molle  e non aggiungere molta farina. Si cuoce per 20-30 minuti, mescolando ogni tanto. Si può cucinare anche solo con la farina di grano o solo con la farina di riso. Allo stesso modo, si possono realizzare polentine di farina di miglio o mischiate a farina di grano o riso e anche polentine di grano saraceno.

Frittata  di grano saraceno – É un cibo molto sano e delizioso che può essere spesso consumato durante la dieta. Si prepara con la farina di grano saraceno macinata e si aggiunge acqua e sale, formando un impasto della consistenza simile a quello per fare le crepes. Si mette un mestolo di questo impasto su una padella antiaderente a fuoco medio-alto, distendendo poi l’impasto a coprire la superficie della padella. Si lascia cuocere fino a quando la frittata non si staccherà da sola dalla padella, rigirandola e cuocendola ancora qualche minuto dall’altra parte. Si può mangiare come pane o anche farne degli involtini con ripieno di riso o altri cereali. Facile da mangiare anche a colazione.

Crema di riso – Si cuoce moderatamente il riso finche diventa dorato. Si macina e, alla farina risultata, si aggiungono tre bicchieri di acqua ogni quattro cucchiai di farina cosi ottenuta. Si cuoce il tutto approssimativamente per 25 minuti, aggiungendo acqua se necessario. Si sala alla fine secondo il gusto di ognuno.

Caffè Ohsawa – Si fanno saltare in pentola  le sementi di grano, miglio e riso finché diventano come i chicchi di caffé. Poi si macinano e si prepara come fosse caffé normale. 

Pane Chapati – Una variante gustosa al pane sono i Chapati, il pane indiano: si fa sempre un impasto di farina di grano integrale (eventualmente con l’aggiunta di crusca integrale), acqua e sale; l’impasto sarà asciutto, come una pasta molle che non si appiccica alle mani. Ne facciamo un salame che poi tagliamo a fette da circa 2 cm. Distendiamo ogni rondella e la stendiamo con il mattarello fino a farla diventare finissima. La mettiamo sulla padella antiaderente, già calda, e la teniamo per qualche minuto, muovendola ogni tanto per non farla attaccare; poi la giriamo dall’altra parte, ancora per qualche minuto. Se fatta bene, si gonfierà e si potrà mantenere croccante a seconda dei gusti.

Si possono mangiare anche combinazioni tipo: riso saltato in pentola insieme con la farina di grano, il miglio o il grano saraceno cotti; grano saltato in pentola con farina di riso cotto; grano saraceno saltato in pentola insieme con la farina di grano cotto; grano saraceno tenuto in ammollo in acqua fredda con sale per almeno un’ora. Dato il ridotto numero di ingredienti, le possibili combinazioni non sono così numerose, ma la fantasia non ha limiti. Ad ogni modo, nei primi giorni, la nostra richiesta di “varietà” ci farà provare diverse modalità, ma poi andando avanti troveremo le modalità di cottura e le combinazioni che sentiamo più adatte per noi in quel momento (a volte avremo delle fasi in cui preferiamo mangiare soprattutto cose liquide, altre più croccanti o asciutte, e cosi via).

Alcuni consigli aggiuntivi:

grau– Il grano, per essere ben cotto, dovrà essere lasciato in ammollo 24 ore prima. Mentre il grano saraceno si può anche mangiare direttamente, senza cuocerlo, dopo averlo lasciato in ammollo per 1 ora (meglio ancora se al sole).

– Non è necessario utilizzare tutti e 4 i tipi di cereali. Ognuno sentirà quelli che sono più in risonanza con la sua tipologia costitutiva. Ci saranno anche periodi nei quali si preferisce mangiare liquido (creme o zuppe) o particolarmente asciutto e abbrustolito, e cosi via. Ovviamente, meno il cibo viene cotto e più conserva tutte le sue proprietà. 

– E’ bene non mangiare cibo preparato da più di 48 ore, perché ha la tendenza a diventare Yin. 

– Non si mangia pasta, neanche quella integrale! Pur essendo fatta di grano, si tratta di un alimento che ha subito una lavorazione industriale che ne ha ridotto notevolmente le proprietà nutritive, soprattutto per gli scopi di questo regime alimentare. Lo stesso vale per ogni altro alimento trasformato (es. gallette di riso, crackers, cereali precotti, ecc.).

– Quando si fa il pane, non si utilizza alcun lievito e non si lascia lievitare il pane. Si consiglia di tenere l’impasto piuttosto molle, affinché il pane cotto non sia troppo duro, in piccole quantità, sotto forma di panini o bastoncini.

– E’ importante tener conto che, per un buon equilibrio, si dovrebbe mangiare almeno 1 kg di cereali al giorno.

Infine, ricordate che si tratta di una purificazione su tutti i livelli, che armonizza non solo il corpo fisico, ma anche il piano mentale e psichico, permettendoci di capire l’importanza energetica del cibo che diamo al nostro essere. Questo ci aiuterà a superare i momenti difficili e, anzi, a gioire del dono che ci stiamo facendo durante quei giorni. E vedrete che mascelle…!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someone